Stranger Things Wiki
Advertisement
" Continua a crescere piccola. Non lasciare che io ti fermi. Commetti i tuoi errori, impara da essi. E quando la vita ti fa male, perché te ne farà, ricorda quel dolore. Il dolore fa bene. Significa che sei fuori da quella caverna. Ma, ti prego, se non ti dispiace, per amore del tuo povero e vecchio papà, tieni la porta aperta di dieci centimetri. "

Jim Hopper

Jim Hopper è un personaggio principale della serie horror di fantascienza Netflix Stranger Things .

È il capo della polizia di Hawkins, nell'Indiana, che ha indagato sugli strani avvenimenti in città. Il suo interprete è David Harbour.

Biografia


Jim Hopper, soprannominato "Hop", è il capo del dipartimento di polizia di Hawkins. Hopper ha vissuto a Hawkins dove ha frequentato il liceo con Joyce Byers e Bob Newby. Hopper era sposato con Diane e avevano una figlia insieme, Sara. Divorziarono dopo che la sua giovane figlia morì di cancro, cosa che lo fece cadere in preda all'alcolismo e a prendere pillole per far fronte al dolore. Per alcuni anni dopo la morte di Sara, è stato un investigatore di omicidi a New York. Quando rimase in città abbastanza a lungo, tornò a Hawkins. Salvò, assieme a Joyce, Will Byers e prese Undici come sua figlia adottiva. Nella terza stagione, cercò di rompere la relazione tra Undici e Mike, perché sentiva la sua figlia adottiva ormai lontana da lui, essendo più grande e spensierata. Intanto, aveva iniziato ad innamorarsi di Joyce.

Prima Stagione

Nella prima stagione, l'ex compagna di scuola del liceo, Joyce Byers, lo chiama comunicandogli che il figlio Will era scomparso. Joyce disse a Hop della telefonata che ha ricevuto e che aveva sentito il respiro di Will. Hopper era riluttante a crederle ma ammetteva che la carbonizzazione del telefono a causa dell'ondata di elettricità sembrava piuttosto insolita. Hopper si rese conto della correlazione tra la sparizione di Will Byers e il Laboratorio di Hawkins. Dopo la morte apparente di Undici, Hopper le lasciò del cibo nel bosco, tra cui gli Eggos, il cibo preferito della ragazzina.

Seconda Stagione

Nei flashback, Undici riuscì a scappare dal Sottosopra ma era costretta a rimanere nascosta nella capanna di Hopper nel bosco per evitare gli agenti del governo e, in generale, di essere vista. Hopper le proibì di andarsene o di far sapere a Mike o a chiunque altro che era ancora viva. Nel presente, i ragazzi si preparavano per Halloween. Undici chiese, essendo mascherata, di uscire almeno quella notte per fare dolcetto o scherzetto, ma Hopper insistè sul fatto che non le avrebbe concesso di uscire perché pericoloso. Hopper indagò quando tutte le zucche in un campo avevano iniziato a marcire. Hopper e Joyce monitorarono le visite di Will al Laboratorio dove mostrava segni che la sua influenza dal Sottosopra potrebbe non essere ancora terminata. Hopper era ancora una volta determinante nel risolvere il mistero e alla fine portò Undici nel seminterrato di Hawkins per chiudere ancora una volta la porta. Dopo aver lavorato a stretto contatto con lei, per chiudere il portale, concluse un accordo per prendere ufficialmente Undici come sua figlia adottiva.

Terza Stagione

All'inizio della terza stagione, Undici e Mike si frequentavano da 7 mesi, con grande sgomento di Hopper, infastidito dal fatto che Undici e Mike stessero costantemente insieme, trascorrendo tutto il loro tempo da soli. Quando Hopper confessò a Joyce il suo disagio, lei gli consigliò di parlare con calma a Undici e Mike esprimendo il suo parere. Cercò di preparare un discorso scritto con Joyce, ma quando provò a pronunciarlo, cambiò idea e ricorse a minacciare verbalmente Mike di stare lontano da Undici.

I colloqui di Hopper con Joyce lo portarono a diventare più audace nel chiederle un appuntamento a cena. Joyce non si presentò all'appuntamento e Hopper scoprì che aveva invece trascorso la serata con il signor Clarke, l'insegnante di scienze della scuola, chiedendo perché i suoi magneti da frigorifero avevano perso il loro magnetismo, portando Hopper a diventare geloso. Joyce implorò l'amico dicendogli di tornare al laboratorio abbandonato per vedere se vi fossero apparecchiature in funzione; arrivatovi, Hopper venne attaccato da un sicario russo, Grigori. Avendolo già visto Grigori nell'ufficio del sindaco Larry Kline, Hopper chiese a quest'ultimo informazioni su Grigori, venendo a sapere che gli sviluppatori di Starcourt Mall, per cui lavorava il russo, avevano anche acquistato diverse altre proprietà a Hawkins. Prima che dell'attacco del sicario, Hopper e Joyce portarono con loro il dottor Alexei, uno degli scienziati che lavoravano lì, come ostaggio. I due portarono Alexei da Murray Bauman per tradurre il russo di Alexei, apprendendo la presenza di una grande base russa sotto il centro commerciale dove gli scienziati russi stavano cercando di aprire la porta del Sottosopra. Alexei rivelò a Bauman come fermare il progetto.

Si fermarono, dopo essersi informati su come stessero i figli, alla fiera del Giorno dell'Indipendenza e mentre Hopper e Joyce portavano a termine il loro compito, Murray e Alexei si godevano il luna park del 4 luglio. Grigori arrivò e uccise Alexei, e altri agenti russi iniziarono a dare la caccia a Hopper, che cercò di sfuggir loro assieme a Joyce e Murray. Corsero verso il centro commerciale, dove si riunirono con i ragazzi, scoprendo che il Mind Flayer stava per attaccare e che l'unico modo per fermarlo era chiudere per l'ennesima volta la porta. i tre si offrirono di scendere alla base e trovare le chiavi di cui Alexei aveva parlato e ricordarono che non solo avrebbero chiuso la porta, ma consequenzialmente avrebbero ucciso tutti coloro che si trovavano vicino alla porta. Mentre aspettava in una stanza, Joyce chiese a Hopper un appuntamento. Nella base, i tre erano quasi vicini alla vittoria, quando arrivò Grigori pronto per uccidere il poliziotto. Hopper prese il sopravvento e lanciò Grigori nell'attrezzatura della porta, uccidendolo ma lasciando Hopper incapace di lasciare la stanza. Fece un cenno di assenso a Joyce e lei in lacrime attivò la macchina per chiudere il valico. Chiudendosi, esso provocò un esplosione, disintegrando tutti nella stanza del cancello, apparentemente incluso Hopper.

Tre mesi dopo, Joyce e la sua famiglia, insieme ad Undici, si prepararono a lasciare Hawkins e Joyce scoprì che Jopper non aveva ancora letto il discorso a Undi e Mike. tuttavia, trovato il foglio con su scritto il pensiero del poliziotto, Undici lo lesse in lacrime poco prima di salutare i suoi amici e lasciare Hawkins assieme a Joyce, Will e Jonathan.

Quarta Stagione

In un teaser trailer pubblicato il 14 febbraio 2020, intitolato From Russia With Love, Hopper si rivelò essere ancora vivo e costretto a lavorare sui binari della ferrovia con altri prigionieri sotto la sorveglianza della guardia russa in Kamchatka.

Aspetto e Personalità

La perdita della figlia e della vita familiare ha lasciato Hopper emotivamente riservato e cinico. Per gestire il suo dolore, beveva regolarmente alcol, fumava diverse sigarette al giorno e sviluppava una dipendenza dai farmaci ansiolitici.

Nonostante fosse il capo della polizia, non si curava del suo lavoro, poiché dormiva regolarmente, si presentava tardi e aveva un atteggiamento rilassato in ufficio fino a prima del caso Byers, ed era piuttosto indifferente verso casi meno gravi. Solo quando Will Byers scomparve e scoprì si trattasse di una copertura del governo, tornò a fare il suo lavoro correttamente, poiché aveva un interesse personale nel caso.

Dopo aver scoperto Undici e averla portata nella sua cabina come sua nuova casa, Hopper diventò molto responsabile, motivo per cui, rapidamente, formò un legame padre-figlia con la ragazzina. Per garantire la sua sicurezza e per la paura di perderla, Hopper proibì, per tenerla al sicuro, ad Undici di lasciare l'appartamento. La sua cura per lei era così feroce che un giorno si arrabbiò con lei per essersi messa in pericolo, un atto di cui si pentì. Spesso andò a controllare la condizione Will ed esaminò gli incidenti anormali di Hawkins.

Con l'aiuto del dottor Owens, in seguito, Hopper prese Undici come sua figlia adottiva.

Advertisement